venerdì 10 ottobre 2014

Review Indigo Le Erbe di Janas (esperimenti Capellosi parte 2)

Buongiorno farfalline! Ultimamente sono entrata in fissa con i capelli, ebbene sì, ho deciso di colorarli di nuovo XD 
Dopo il fallito tentativo di schiarirli con la Curcuma (se vi siete perse la storia del mio fallimento clamoroso leggete qua) ho cambiato rotta, nuova destinazione nero corvino con sfumature blu, voi mi direte “beh basta utilizzare la tinta di Garnier nero corvino e il gioco è fatto” invece no, perché voglio utilizzare solo metodi naturali! Sapete che amo complicarmi la vita quindi in questo post leggerete un primo momento di felicità in cui pensavo di aver scoperto l'acqua calda per poi passare a una triste conclusione.



I miei capelli di partenza erano un castano scuro con riflessi mogano ottenuti con l’henne freddo le Erbe di Janas, ma dopo 4 mesi mi ero stufata e volevo diventare Cenerentola, ormai sapete che è una delle mie principesse preferite della Disney =)
Per raggiungere il mio obiettivo ho acquistato dal sito online Bioalchemilla l’indigo della marca Le Erbe di Janas. Riponevo in lui grandi speranze dopo aver letto numerose recensioni che lo decantavano dicendo che donava un bel nero e che copriva addirittura i capelli bianchi.
L'indigo è una polvere molto fine di colore verde, per ottenere delle sfumature più bluastre si consiglia di ricreare un ambiente basico (a differenza dell'hennè che predilige un ambiente acido) e lasciare in posa una quindicina di minuti.


Ho versato circa mezza bustina (50 grammi) all'interno della mia ciotolina di plastica e ho aggiunto un cucchiaino di sale (consigliato su diversi blog, io avrei optato per un cucchiaino di bicarbonato ma non lo avevo in casa) e un bicchierino di acqua. Dopo averlo lasciato in posa 15 minuti procedo con l'applicazione su tutta la capoccia. Dopo un ora e mezza risciacquo la testa senza utilizzare né shampoo né balsamo, scarica molto colore bisogna avere un po' di pazienza in più rispetto all'hennè. Ultimo risciacquo con l'aceto per fissare meglio il colore, non è essenziale potete anche non utilizzarlo.
Durate il lavaggio l'acqua era verdastra più che blu, un piccolo brivido mi è salito sulla schiena, il verde è proprio un colore che non mi dona! Tutto ma non verde!
Il risultato finale è un castano molto scuro quasi nero, per i primi tre giorni sembravo Cenerentola ma se il sole colpiva la mia chioma ecco uscire le sfumature mogano dell'henné.
Sfumature blu o verdi? No assolutamente nessuna sfumatura, peccato perché era ciò che volevo.
Scarica molto ogni lavaggio per poi andare via quasi del tutto, ha solo trasformato il mio castano scuro ramato in un castano scuro mogano. Durante i primi giorni se vi toccate i capelli le mani si sporcano di un colore verdastro muffa-bluastro orrendo!

il giorno dopo alla luce diretta del sole

A differenza dell'hennè che rende i capelli più brillanti, l'indigo li rende opachi D:
Ora passiamo alla parte più dolente e qui sfato ogni fantasia, non copre assolutamente i capelli bianchi! Ecco l'ho detto! Subito dopo aver fatto l'indigo i capelli bianchi appaiono azzurrini, ma già dopo il terzo lavaggio ritornano bianchi splendenti. Così ora mi ritrovo la ricrescita di due mesi :(
Come avete capito io puro non posso utilizzarlo, lo sfrutterò mischiandolo con l'henné rosso per ottenere un colore più simile al mio naturale.
Inci: Indigofera tinctoria
Prezzo: 5€ per 100 g
Voto: 6
A chi lo consiglio: a tutte le persone che vogliono "raffreddare" il loro colore di capelli o che non sono amanti del rosso ramato e lo voglio aggiungere all'impasto dell'henne. Sconsigliato a chi è bionda e a chi ha i capelli bianchi.

Tutti i post in cui parlo dell'hennè (rosso, ciliegia e biondo)  qua
 
Nel prossimo post dedicato ai capelli vi parlerò di un prodotto non bio di cui mi è stata richiesta la recensione, il gel schiarente di Collistar. A presto ^_^

14 commenti:

  1. Io ho i capelli super rovinati da poco ho ordinato dei prodotti bio. . Cmq questo prodotto non mi piace molto perché rende i capelli opachi .. poi nessuna copertura .. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già aimè non copre una cippa D: Lo finirò mischiandolo insieme all'hennè da solo per carità !

      Elimina
  2. peccato che sparisce dopo pochi lavaggi!!

    http://fashi0n-m0de.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già purtroppo in pochi lavaggi si è dissolto nel nulla!

      Elimina
  3. Che bei capelli! peccato per la pessima durata -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie =) Si la durata è veramente minima, neanche l'effetto della curcuma giallo paglierino mi è durato così poco!

      Elimina
  4. Mi spiace tanto per l'esperimento fallito! Anche io volevo provare l'indigo ><

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non mi sento di consigliartelo almeno l'indigo di questa marca, per le altre non mi esprimo ^^

      Elimina
  5. La prima volta che ho usato l'indigo (Khadì) sono partita anche io da un castano scuro con riflessi rossi dopo mesi di henné rosso freddo di Janas, ma per coprire i capelli bianchi ho dovuto prima pretrattarli facendoci l'henné poiché sapevo che l'indigo da solo non copre i capelli bianchi. Scarica parecchio durante i lavaggi, ma mi è durato poco più di 3 settimane il nero, dopo di che mi son tornate le punte rossastre. Con il TEA natura è andata meglio perché scarica meno e macchia meno. Però non posso paragonare la durata con l'altro perché l'ho usato per la prima volta meno di 10 giorni fa. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le punte rossastre sono imbattili pensi di averle coperte per bene e poi puff eccole di nuovo! L' henne e le erbette di Tea non ho ancora avuto l'onore di provarle, aspetto poi di sapere come ti sei trovata in termini di durata con questo qua =)

      Elimina
  6. Sparisce in pochi lavaggi perchè prima bisogna fare la lawsonia, aspettare 3 giorni in modo che il colore si fissi bene sui capelli e poi passare l'indigo che ovviamente non fa fatto ossidare ma messo subito sui capelli visto che il suo potere colorante dure all'incirca un'oretta. Io consiglio sempre di tenerlo sù anche due orette...tanto ai capelli fa benissimo.
    Ovviamente dopo aver tolto ocmpletamente i residui, ci vuole un bell'impaccone di balsamo visto che è risaputo che l'hennè secca i capelli. Provare per credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il consiglio, io ahimè sono abbastanza pigra e l'idea di applicare prima la lawsonia e poi dopo l'indigo non mi entusiasma molto XD Però per chi ha molta, MOLTA pazienza allora può essere un'ottima idea per aumentarne la durata.

      Elimina